|  home  ||  1° pagina ||  Interviste ||  critica ||  2 6 6 6 ||  I detective s. ||   la poesia ||  prosa  ||  lettori ||  testi ||  autori citati ||  Hispanoamerica |

Puttane assassine

prima edizione: 2001, Spagna - Anagrama ed.,

prima edizione italiana: 2004, Sellerio ed., trad: Maria Nicola


Puttane e assassine. In termini generali, il sesso è una possibilità o una via di fuga?
Ho l’impressione che sia una possibilità; almeno passati i 25 anni, è una possibilità. Il brutto è che è un’entrata in zone dove si mettono in funzionamento altri fattori, altre emozioni, quasi tutte negative, come la possessione o le gelosie o l’omologazione. La gente quando si parla di sesso diventa idiota. Forse lo è stata sempre, ma il sesso, il monologo sessuale o il dialogo sessuale ( e non diciamo niente dell’incontro sessuale), fa diventare ancora piu’ idiota la gente, che si limita a balbettare una serie di idee preconcette, idee che al fondo non differiscono in niente dall’antico Dio, Re e Patria, che come tutti sospettano (ma non lo dicono), significa Paura, Padrone e gabbia.
 
In Puttane assassine ci sono un paio di racconti dove appaiono personaggi suicidi. Considera attraente il mistero che quasi ogni suicida lascia dietro di se? O il suicidio è un atto di impazienza puro e duro?
' certo che ogni suicida lascia uno o due misteri dietro la sua morte, ma è anche certo che lascia, inevitabilmente, quattro o cinque risposte, e ciò che di solito temiamo dai suicidi non è il mistero, ovvero le domande che queste morti pongono, ma le risposte che queste morti mettono davanti a noi e di fronte alle quali, automaticamente, chiudiamo gli occhi. Se il suicidio sia un atto di impazienza, non so, non lo credo. In prima istanza ( e il buono del suicidio è che non c'è una seconda istanza) è un atto di libertà
[ intervista di Javier Aspurúa, 1 settembre 200]

 


 
detctive selvaggi Putas asesinas viene pubblicato in Spagna nel 2001 e tradotto in Italia con lo stesso titolo - - nel 2004 da Maria Nicola per la Sellerio ed., con una nota di Jorge Herralde
Per me è difficile rispondere perchè scrivo un libro. Sicuramente perchè è ciò che so fare meglio. Che penso delle puttane? beh, ho sempre tenuto in grande considerazione questo mestiere e le puttane, pertanto, godono di tutti i miei rispetti. Tutte le puttane. Le povere e quelle di elevato standing. Donne virtuose e lavoratrici, donne che nello stesso tempo sembrano uscite da un melodramma messicano degli anni cinquanta, come dalle pagine della bizantina Ana Comneno. E che, inoltre, come se ciò non fosse sufficiente, sono la cosa più somigliante che ci sia a un orologio. Le puttane sono le donne-orologio per eccellenza. Da Catullo a Baudelaire, tutti i poeti le hanno amate. E chi non le ama o è impotente o un fottuto puritano ipocrita della peggiore specie.
R.Bolaño, intervista di A Matus  

....sono 13 racconti, vari di essi hanno come protagonista il suo alter ego, Arturo belano, e B, che era già apparso in chiamate telefoniche, il suo precedente libro di racconti. Entrambi i personaggi deambulano per il messico, spagna e Africa. Si incontrano con vecchi camerati, con soggetti disperati o, nel caso di B, con riviste letterarie che lo motivano - come solamente a uno scrittore chimicamente puro può succedere - per andare dietro la pista di un autore che giace sotto la polvere di una libreria di vecchi. Come il nome del libro lo segnala, ci sono anche puttane. Non tutte, questo si, sono assassine.

  • Silva, detto l’Occhio
    Arturo Belano incontra a Berlíno un vecchio amico che gli racconta come rapì due bambini in un bordello in India,
  • Gómez Palacio
    La breve estadía de un profesor de literatura en el pueblo que da nombre al relato. Sus días en México están contados.
  • Ultimi crepuscoli sulla terra
    B, adolescente   va in vacanza ad Acapulco insieme al padre, e si addentra in un inferno che cambierá per sempre la relazione tra i due.
  • Giorni del 1978
    Il protagonita è di nuovo B, vive in Spagna e frequenta esiliati cileni.
  • Vagabondo in Francia e in Belgio
    B è già uno scrittore conosciuto e viaggia in Francia. passa per bordelli e librerie, dove trova una rivista che parla di Henri Lefebvre. Parte per Bruxelles per conoscere i posti dove visse l'autore.
  • Prefigurazione di Lalo Cura
    Figlio di un sacerdote e un'attrice porno colombiana, Lalo Cura fa una divertente revisione delle videocassette in cui la sua defunta madre aveva recitato insieme a Pajarito Gómez. L'incontro tra lalo e Pajarito è qualcosa di più che un regolamento di conti.
  • Puttane assassine
    Le donne sono puttane assassine, Max, sono scimmie intirizzite dal freddo che contemplano l'orizzonte da un albero malato, sono principesse che ti cercano nel buio, piangendo, indagando le parole che non potranno mai dire. dice la protagonista prima di assasinare la sua nuova vittima.
  • Il ritorno
    Un fantasma segue le peripezie del suo corpo, dalla discoteca in cui muore fino alla casa di un prestigioso necrofilo
  • Buba
    La storia di un calciatore cileno, uno spagnolo e un africano che fanno guadagnare titoli alla loro squadra grazie a un misterioso rituale
  • Dentista
    Un professore di letteratura e il suo amico, allucinati dai racconti di un giovane indio
  • Fotografie
    Arturo Belano, perduto in África, sfoglia un álbum di foto dove poeti francesi celebrano se stessi.
  • Carnet di ballo
    69 ragioni per non ballare con Pablo Neruda. Alcune possibili "coppie di ballo della giovane poesia cilena: i nerudiani nella geometria con gli huidobriani nella crudeltà, i mistraliani nell'umorismo con i rokhiani nell'umiltà, i parriani nell'osso con i lihniani nell'occhio"
  • Incontro con Enrique Lihn
    Roberto Bolaño sogna che alcuni scrittori giovani lo portano a vedere lihn, che si trova in una città che potrebbe essere santiago di un altro tempo, "un tempo silenzioso e tuttavia mobile(Lihn lo vedeva muoversi), un tempo atroce che sopravviveva senza alcuna ragione, solo per inerzia"
     
    Annette Leddy: Un classico e un moderno: La breve corrispondenza tra Roberto Bolaño e Enrique Lih

 
[A. Matus, intervista a Bolaño]


 

 

Putas asesinas (Anagrama, 2001)

Puttane Assassine (Sellerio, 2004)
  • El Ojo Silva
  • Gómez Palacio
  • Últimos atardeceres en la tierra
  • Días de 1978
  • Vagabundo en Francia y Bélgica
  • Prefiguración de Lalo Cura
  • Putas asesinas
  • El retorno
  • Buba
  • Dentista
  • Fotos
  • Carnet de baile
  • Encuentro con Enrique Lihn
  • Silva, detto l’Occhio
  • Gomez Placido
  • Ultimi crepuscoli sulla terra
  • Giorni del 1978
  • Vagabondo in Francia e in Belgio
  • Prefigurazione di Lalo Cura
  • Puttane assassine
  • Il ritorno
  • Buba
  • Dentista
  • Fotografie
  • Carnet di ballo
  • Incontro con Enrique Lihn


  • NOTE




    Testo liberamente riproducibile a condizione che ne venga rispettata l'integrità, venga indicato il sito di origine e infromato l'autore di questo sito mail


     
     
    azulines